Rifiuti, questi sconosciuti.

Rifiuti, questi sconosciuti…

Bidone Rifiuti

 

Produciamo rifiuti tutti i giorni, con grande costanza e probabilmente anche un pizzico di irresponsabilità.

Ma chi sa esattamente chi c’è, dietro alla Gestione dei rifiuti del Comune di Montescudo-Monte Colombo?

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza ed informare i cittadini…

Perché in molti ci lamentiamo del servizio di Hera, ma la società partecipata per eccellenza del nostro territorio, è solo la parte finale della catena.

Si parte dal Comune per passare da Atersir, il suo Consiglio Locale, e finire ad Hera SpA.

Procediamo con ordine…

A fine 2011 la Regione Emilia-Romagna costituisce ATERSIR (Agenzia Territoriale dell’Emilia-Romagna per i Servizi Idrici e Rifiuti) affidandole le funzioni delle vecchie Agenzie Provinciali che prima gestivano la raccolta dei rifiuti.

(qui il link al sito di Atersir )

L’Agenzia è composta da 9 Consigli Locali (che più o meno comprendono i Comuni facenti parte delle vecchie province) e che affidano a società terze la gestione idrica e di raccolta dei rifiuti.

I Comuni che compongono i Consigli Locali hanno quote di partecipazione in base alla popolazione, ed è facile immaginare che per il Consiglio Locale di Rimini, la città amministrata dal Sindaco Gnassi la faccia da padrone, con più del 35% delle quote, mentre degli altri Comuni nessuno supera il 10%.

In pratica, decide Rimini.

Ogni anno Hera SpA, in base ai rifiuti raccolti, relaziona i costi ad Atersir che propone ai Comuni un PEF (Piano Economico Finanziario) che comprende le spese sostenute per la gestione dei rifiuti.

Queste spese (insieme ad altre spese di gestione) devono poi essere coperte interamente dai Comuni con gli introiti derivanti dalla famosa ed odiata tassa chiamata TARI.

Quest’anno il Commissario Prefettizio che ha amministrato il Comune di Montescudo-Monte Colombo fino a Giugno, ha approvato il PEF per la copertura della TARI con la delibera 68 del 29/4/2016 (consultabile qui , mentre i conti veri e propri sono qui per Monte Colombo e qui per Montescudo ), pari ad una copertura totale di circa € 611.000,00.

Le tariffe della TARI erano invece state approvate nel Febbraio 2016, un mese prima che uscisse il PEF ufficiale del 2016, basandosi sul Piano finanziario del 2015.

Ma, mentre nel 2015 era stato inviato ai Comuni una lista dei costi piuttosto dettagliata (vedi questo link ) per il 2016 Atersir ha diramato una semplice tabellina Excel, con solo la stima dei costi (la trovate qui ), senza dare la possibilità di verifica dei servizi realmente eseguiti.

Magari è tutto corretto, ma forse sarebbe stato utile controllare, magari sarebbe stato utile confrontarsi con gli altri Comuni ed eventualmente farlo presente nelle sedi opportune.

Alcuni Comuni del Modenese hanno ad esempio fatto ricorso al TAR, per questa mancanza di trasparenza.

Poiché amministrare un Comune non è compito da prendere con superficialità o poca professionalità, specialmente quando ci sono in gioco i soldi dei Cittadini.

Allora perché questa poca chiarezza non è stata presa in considerazione?

Probabilmente perché nei consigli di Atersir del 2012 ad oggi, in tutto 26, le presenze dei nostri Amministratori sono state ben 6, con il triste primato dei Consigli del 2013 e 2014 in cui i Sindaci dei nostri due ex Comuni non si sono mai presentati.

Segno evidente che, oltre a portare avanti una politica ben poco innovativa in tema di rifiuti, anche l’interesse al tema non è stato di sicuro interesse.

Ma, ne siamo convinti, solo fino ad ora….

Logo M5S Montescudo - Monte Colombo

CONDIVIDI SU...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email

Una Risposta

  1. Patrik Never 24 Settembre 2016

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi fare qualcosa di utile per migliorare la vivibilità e la sicurezza nel nostro Comune? Richiedi l'Iscrizione ai Gruppi di Vicinato!CHIEDI
+